Vescovi Amici del Movimento dei Focolari per il Centenario di Chiara Lubich (Trento 8-9, Loppiano 10-11 febbraio 2020)

“Si tratta proprio del Patto fatto durante la Messa con tutti i Vescovi presenti a Loppiano. È stato condiviso da uno di loro …”

La domanda di un lettore attento ci pare legittima e la pubblichiamo :

“Può un Vescovo pregare così oppure il Vescovo prega con i fedeli della propria Chiesa diocesana ?… Non è forse vero che anche i Religiosi che sono nominati Vescovi, lasciano l’ordine ?”

1949

Nell’estate del 1949, il deputato Igino Giordani, che da qualche mese aveva incontrato la spiritualità dell’unità, raggiunse Chiara Lubich, che vi si era recata per un periodo di riposo, nella valle di Primiero, a Tonadico, sulle montagne del Trentino.

Insieme alla piccola comunità di Trento, ormai sciamata in diverse altre città d’Italia, nelle settimane precedenti avevano vissuto intensamente il passaggio del Vangelo di Matteo sull’abbandono di Gesù sulla croce. Il 16 luglio, cominciò un periodo di intensità straordinaria, conosciuto ora come “Paradiso ‘49”.

Chiara scriverà più tardi a proposito di quei mesi:
«Se il 1943 fu l’anno dell’origine del Movimento, il 1949 segnò invece un balzo in avanti. Circostanze impensate, ma previste dalla Provvidenza, fecero sì che, per riposo, il primo gruppo dei membri del Movimento si ritirasse dal “mondo” in montagna. Dovevamo ritirarci dagli uomini ma non potevamo allontanarci da quel modo di vivere, che costituiva il perché della nostra esistenza. Una piccola e rustica baita di montagna ci ospitò nella povertà.
Eravamo sole: sole fra noi col nostro grande Ideale vissuto momento per momento, con Gesù Eucaristia, vincolo d’unità, a cui si attingeva ogni giorno; sole nel riposo, nella preghiera e nella meditazione.
E lì iniziò un periodo di grazie particolari. Avevamo l’impressione che il Signore aprisse agli occhi dell’anima il Regno di Dio, che era fra noi la Trinità che abita in una cellula del Corpo mistico: “Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perché siano una cosa sola, come noi”; e ci parve di capire che l’Opera che stava nascendo non sarebbe stata nient’altro che una mistica presenza di Maria nella Chiesa.
Naturalmente, non saremmo più scese da quella montagna, piccolo Tabor dell’anima nostra, se la volontà di Dio non fosse stata diversa. E fu solo l’amore a Gesù crocifisso e abbandonato, che vive nell’umanità immersa nelle tenebre, che ce diede il coraggio» . (1)

In altra occasione, ancora Chiara afferma:
«E’ iniziato un periodo luminoso particolare in cui, fra il resto, ci è sembrato che Dio volesse farci intuire qualche suo disegno sul nostro Movimento».

Negli anni successivi, Chiara non ha fatto altro che realizzare quanto in quell’estate di luce le è stato donato.

(1) Chiara Lubich, in Scritti Spirituali/3, Rome 1996, pp 41-42.

2019 – Cardinali e Vescovi AMICI DEL MOVIMENTO DEI FOCOLARI
riuniti per gli esercizi spirituali in Austria

Cari fratelli e sorelle,

la Curia romana non è un corpo staccato dalla realtà – anche se il rischio è sempre presente –, ma va concepita e vissuta nell’oggi del cammino percorso dagli uomini e dalle donne, nella logica del cambiamento d’epoca. La Curia romana non è un palazzo o un armadio pieno di vestiti da indossare per giustificare un cambiamento. La Curia romana è un corpo vivo, e lo è tanto più quanto più vive l’integralità del Vangelo.

Il Cardinale Martini, nell’ultima intervista a pochi giorni della sua morte, disse parole che devono farci interrogare: «La Chiesa è rimasta indietro di duecento anni. Come mai non si scuote? Abbiamo paura? Paura invece di coraggio? Comunque la fede è il fondamento della Chiesa. La fede, la fiducia, il coraggio. […] Solo l’amore vince la stanchezza»[20].

Il Natale è la festa dell’amore di Dio per noi. L’amore divino che ispira, dirige e corregge il cambiamento e sconfigge la paura umana di lasciare il “sicuro” per rilanciarci nel “mistero”.

Di Chiara Lubich fondatrice – fra il resto – anche della Cittadella di Loppiano leggiamo :

“Ora ciò che io voglio lasciare a chi seguirà il mio Ideale è la sicurezza che basta lo Spirito Santo (e la fedeltà a chi ha iniziato) per proseguire l’Opera.

Valgono se è Dio che le legge in lei.

Di accessorio poi posso lasciare anche quanto ho scritto: ma vale se è preso come “accessorio”.

Anche Gesù, pur essendo Dio ed avendo tutto in Sé, non è venuto per distruggere e far ex-novo, ma per completare.

Così chi mi seguirà potrà completare quanto io ho fatto. Io non voglio amare i miei posteri meno di me e perciò voglio che essi abbiano lo Spirito Santo zampillante come Dio Lo diede a me.

Non Lo avranno direttamente, Lo avranno per interposta persona, ma Lo avranno vivo dalla viva bocca di chi Lo trasmetterà vivendo ciò che Egli insegna per mezzo mio.

Così è bene togliere decisamente ogni altra preoccupazione di quella di fare la divina volontà che momento per momento ci è manifestata, ma senza suggerire nulla a Dio”.

(Chiara Lubich, Paradiso ’49)

Dal libro “COLLOQUI – domande e risposte sulla spiritualità dell’unità” di uno dei confondatori : Don Pasquale Foresi chiamato da Chiara Lubich stessa “Chiaretto”

Loppiano, 11 febbraio 2020.
Alcuni dei “suoi” vescovi (i più vicini detti da Chiara Lubich “efesini” titolo tratto dalla Città di Efeso) hanno fatto “IL PATTO”.

Dagli Statuti Generali dell’Opera di Maria
Movimento dei Focolari
Anche per i Signori Vescovi Amici del Movimento dei Focolari, la Fondatrice ha scritto i loro Regolamenti – interessante sarebbe poterli leggere.
Non si trova pubblicazione integrale degli statuti generali
di cui una lettrice ci ha fornito le pagine pubblicate tratte dagli ultimi statuti
approvati del Pontificio Consiglio per i Laici dell’epoca nel 2007.
Precedente VERGOGNA !!! "PIRATAGE sur le site web PNCDS 72". Ora non solo abusi di persone, ma anche dei loro scritti che li denunciano con Paressia e Umiltà : VERGOGNA !!! Successivo In nome dell'Unità, le pratiche “soavi” della Congregazione per i religiosi.