Come la Chiesa non si accorse? Tutto passò inosservato.

«Questo è il mio capolavoro. Pubblicatelo solo dopo la mia morte» scrisse Foco.

CAPITOLI da 1 A 8
CAPITOLI DA 9 A 16

Igino Giordani – come già detto – scrisse di Chiara Lubich e della sua opera in Storia di Light.
I testi del capolavoro segreto di “Foco” furono pubblicati se non andiamo errato solo nel marzo 2015.

“Se qualcuno dice: “è il mio capolavoro” è già sospetto. Solo gli altri possono dire se si è fatto un capolavoro oppure no. Michelangelo non ha mai detto que aveva fatto dei capolavori, nemmeno Mozart.”
L’amico che ci scrive cerca sinceramente di capire come è accaduto che la Chiesa non fu attenta nel Discernimento. Infatti occorre leggere almeno le prime pagine di un documento – che i Trentini capiranno meglio che non gli altri italiani – dattiloscritto, come sotto dettatura, che riporta le spiegazioni di Chiara Lubich alle sue pagine del “Paradiso 49”, con interventi di Chiaretto (Don Pasquale Foresi), presenti il focolarino chiamato Fede (Piergiorgio Marchetti) ed Eli (Giulia Folonari) segretaria di Chiara Lubich per più di 50 anni impegnata a trascrivere fedelmente.
Erano in Svizzera attorno ad un tavolino nel giardino della casa di Chiara, lo raccontò Fede al Funerale di Chiaretto come ricordo indimenticabile. Questo testo di 107 pagine è rimasto segreto e lo è ancora per molti. Perché ?

Un’altra persona ci scrive : ” Ciao. Grazie per i contributi. Leggerò il PDF per capire meglio. A noi che eravamo considerate esterne non ci è mai stato raccontato nei particolari il paradiso del 49. Sapevamo che era riservato a chi aveva già fatto i voti. Rispetto a quanto ho sentito nel video “Faccia a Faccia con Chiara Lubich” mi chiedo però come sia stata possibile una diffusione tale del movimento già dagli inizi e una sequela di Chiara anche da parte di sacerdoti, vescovi, intellettuali, non me lo spiego, ma è anche il motivo per cui per tutti questi anni ho continuato a sentirmi sbagliata. E poi mi sono chiesta,  ora che non riesco più a credere davvero nell’amore di Dio… come può “Dio amore” lasciare tutti questi suoi figli che lo seguono nella confusione e nel caos? Che progetto può esserci dietro?
L’amore non è forse anche trasparenza, chiarezza e guida? È per questo che non riesco ad andare avanti in questa direzione.”.

Grazie per l’intervento e per la fiducia e proponiamo di “fare la verità”, camminando insieme. Come fare altrimenti? Siamo convinti che “La Verità si fa strada da sola”. Ma una cosa è evidente che la testimonianza di ciascuno ci sembra essenziale.

Noi abbiamo ricevuto il PDF di 107 pagine da una persona che lo ha letto interamente e che ci segnala a pagina 2 una cosa interessante. Ci sottolinea che “Foco attribuisce a Giuliana da Norwich del XV sec. 1459 le “visioni intellettuali” dette mistiche di Chiara Lubich”. Perché ?

Alcuni ci dicono che questo documento di 107 pagine lo hanno letto solo dopo essere usciti di focolare trovandolo in un sito francese !!! …

Una ex-focolarina : “Vi ho ritrovato in sintesi tutta la mia formazione ricevuta in focolare … impressionante.” .

Perché questa cultura del segreto tipica dei gruppi settari ?

“Foco”, Igino Giordani e il suo scritto sono stati citati in questo articolo : Una penna in adorazione: Storia di Light, il capolavoro segreto di Foco
Si scrive “capolavoro segreto”. Anche qui si ripete segreto… Perché? Perché voleva che si pubblicasse dopo la sua morte?

«Questo è il mio capolavoro. Pubblicatelo solo dopo la mia morte».

Del 30 giugno 1961 – Festa di San Paolo
ritagliamo il testo del PARADISO ’49 – di Chiara Lubich a Oberiberg (Svizzera) articolo da mettere a confronto con le 107 pagine “segrete” che hanno “formato” generazioni di Focolarini.
Aggiungiamo il numero completo della pubblicazione uscita all’indomani della morte di Chiara Lubich (14.03.2008) in Nuova Umanità del marzo/giugno 2008 che contiene anche pagine bianche per la fretta che si ebbe nel passare alla stampa e pubblicare – lo dichiara Giuseppe Zanghì (Peppuccio) nella sua introduzione.

Un pellegrinaggio alla Sorgente, Chiara Lubich

Il fatto da rilevare con attenzione è che l’articolo è pubblicato sul sito dei Focolari della Liguria come COMUNICAZIONE INTERNA: Perché ?

Oggi 21 agosto 2019 ALLE 11:00 CIRCA

ci telefona un collaboratore del Blog, con l’intenzione di sottolineare l’importanza della catechesi di Papa Francesco.

“L’ipocrisia è il peggior nemico della Comunità cristiana…”. verso la fine in un “a braccio” determinato.

Catechesi di Papa Francesco in aula Paolo VI – 21 agosto 2019
Precedente "Non possiamo tacere..." Successivo "Omnia vincit amor" "Tutto vince l'amore"